-> Indigenous a Dom: la nostalgia della foresta

Sfigurare il corpo. Metterlo in discussione. Portarlo all’essenza del movimento, della musica, nel battito cardiaco, fino alla soglie della fibrillazione.” 

di Massimo Marino /Indigenous